717 Bisanzio sotto assedio

Non fu il primo assedio nè, certamente, sarebbe stato l’ultimo. Ma ebbe un’importanza decisiva per la storia dell’Europa e della Cristianità. Stavolta l’elemento sorpresa che era stato decisivo quattro decenni prima veniva a mancare; mi riferisco ovviamente al fuoco greco il cui inventore, Callinico, può a buon diritto essere considerato il salvatore della patria.
Se Costantinopoli fosse crollata l’Europa avrebbe perso il suo principale bastione; chi avrebbe potuto allora opporsi al dilagare degli Arabi vittoriosi? Non certo i deboli e primitivi regni romano-barbarici occidentali. Ma così non fu e ancora una volta Costantinopoli fu salva, grazie alla tenacia dei suoi abitanti, alle sue mura ciclopiche, all’ efficace strategia dell’imperatore e al valore dei soldati.
Il passo seguente è tratto dalla Cronaca Universale del Santo Teofane.

“Il primo settembre del 717 Suleiman, il nemico dei cristiani, fece rotta con i suoi emiri per la città.[…] Aveva navi grandissime, sia per le vettovaglie sia per la battaglia, e si ancorò davanti alle mura meridionali. […] L’imperatore timorato di Dio ordinò che le sue navi lanciafiamme salpassero immediatamente dall’acropolie, con il divino aiuto, incendiò quelle del nemico.[…] Il giorno 8 del mese di ottobre Suleiman, il califfo degli Arabi, morì, e Omar gli succedette. Poichè in Tracia l’inverno era molto freddo ( la neve ricopriva il suolo per un centinaio di giorni ), i nemici ci rimisero parecchi cammelli, cavalli e altri animali.[…] Nel frattempo il generale Mardasan si era spinto con l’impero arabo fino a Nicea e Nicomedia, ma i comandanti imperiali si lanciarono improvvisamente all’assalto con la fanteria, debellarono il nemico e lo misero in fuga.[…] Gli Arabi furono colpiti da una grave carestia che li costrinse a nutrirsi di tutti gli animali morti : cavalli, asini e cammelli, a cuocere nei forni persino i cadaveri e i loro stessi escrementi, mangiandoli in salamoia. Non tardò a scoppiare una pestilenza che mietè innumerevoli vittime. Anche i Bulgari spinti dall’Imperatore Leone III mossero loro guerra, e pare che 22.000 Arabi rimanessero uccisi.Cose ancora più orribili capitarono in quel tempo , cosicchè l’esperienza avrebbe dovuto insegnar loro che Dio e la Santissima Vergine proteggevano l’impero dei cristiani.”

Author: Alessio Cittadini

Share This Post On

Submit a Comment