Titoli e cariche, nell’Impero di Bisanzio

Titoli e cariche, nell’Impero di Bisanzio

L’Impero Bizantino ebbe, nel corso della sua millenaria storia, un complesso sistema aristocratico e burocratico. Molti dei titoli e delle funzioni pubbliche erano puramente onofirici, in quanto l’Imperatore era il solo ed unico regnante. In oltre mille anni di storia quindi molti titoli scomparvero e vennero creati, mentre altri acquisirono o persero prestigio e potere. Agli inizi della sua storia, poiché Bisanzio rappresentava l’erede di Roma imperiale, i titoli in vigore erano gli stessi utilizzati dagli imperator romanorum, ma già con Eraclio (VII sec.) molti di essi divennero obsoleti, mentre Alessio I Comneno provvide a rinnovare completamente l’intero sistema aristocratico e burocratico dell’Impero. In seguito però, rare furono le modifiche ed i titoli e le cariche creati dal grande Imperatore rimasero pressoché invariati fino alla caduta di Costantinopoli nell’infausto anno domini 1453.

Possiamo pertanto suddividere titoli e cariche come segue:

1. TITOLI ARISTOCRATICI:

– Titoli Aristocratici Maggiori
– Titoli Aristocratici Minori

2. TITOLI MILITARI:

– Titoli dell’Esercito
– Titoli della Marina Imperiale
– Altri Titoli Militari

3. TITOLI BUROCRATICI.

I TITOLI ARISTOCRATICI

I TITOLI ARISTOCRATICI MAGGIORI

Basileos

È il termine greco che sta ad indicare il re e che originariamente si riferiva a tutti i re dei territori greci presenti nell’Impero Romano. Tale termine era usato anche nell’Impero Persiano per indicare la figura dell’Imperatore. Eraclio lo adottò in sostituzione dei titoli autokrator (colui che governa da solo) e kyrios (signore). Successivamente gli Imperatori bizantini presero l’abitudine di farsi chiamare porphyrogenitos (letteralmente nati nella porpora e cioè nati nel palazzo imperiale da un imperatore regnante, quindi, in ultima analisi, legittimi). La forma femminile è basilissa e si riferisce naturalmente ad un’imperatrice (cui andava anche il titolo di kyria e despoina). Nel corso dei secoli apparve anche il termine basilopator, un titolo puramente onorifico che stava ad indicare il “padre” dell’Imperatore (anche se il basilopator non era necessariamente il padre legittimo del monarca). Il primo uomo ad assumere il titolo di basilopator fu Zautzes, un nobile sotto il regno di Leone VI, mentre Romano I Lecapeno lo utilizzò quando divenne correggente del giovane Costantino VII.

Despotes

Il titolo di despota fu creato da Manuele I Comneno nel XII secolo e colui che era ne era insignito era secondo solo all’Imperatore. Inoltre tale titolo poteva comprendere anche una vera e propria assegnazione territoriale in amministrazione e ciò accadde soprattutto durante la dinastia dei Paleologi, quando l’erede al trono riceveva il titolo di despota e congiuntamente il despotato di Morea. La forma femminile è despoina e normalmente era portato dalla moglie di un despota.

Sebastokrator

Questo titolo fu creato dall’Imperatore Alessio I Comneno; esso deriva dalla combinazione di autokrator e sebastos ed indica unicamente la parentela con un Imperatore. Ricevere il titolo di sebastocratore non significava avere alcun reale potere né alcun ruolo del governo dell’Impero ed il primo ad esserne insignito fu proprio il fratello minore di Alessio I, il principe Isacco. La forma femminile è sebasstokratorissa.

Kaiser

Questa è la forma greca del termine latino Caesar che, nome di uno dei più grandi condottieri di Roma, indicò successivamente gli Imperatori o gli eredi al trono. Quando Alessio I Comneno creò il titolo sebastokrator, colui che portava il nome di kaiser divenne terzo in ordine di importanza e poi quarto quando Manuele I (stessa dinastia e stessa smania di creazione) creò il titolo despotes. La forma femminile è kaisarissa.

Panhypersebastos e Protosebastos

Sono questi titoli che derivano dal termine sebastos (maestà). Alessio I Comneno e i suoi successori crearono un notevole numero di titoli nobiliari e burocratici aggiungendo al titolo vero e proprio pan (tutto), hyper (super), proto (primo) e altri prefissi (in questo caso al termine sebastos).

Despota, sebastocratore, cesare, panipersevasta e protosebasta

Furono normalmente assegnati a membri della famiglia imperiale e si distinguevano l’uno dall’altro da abiti e corone differenti. In alcune occasione però, tali titoli furono concessi anche a personaggi stranieri. Il primo di questi ad ottenere il titolo di despota fu Bela III re d’Ungheria (a sottolineare il fatto che l’Ungheria era considerata uno stato tributario dell’Impero Bizantino); il primo straniero ad ottenere invece il titolo di sebastocratore fu Stefano Nemanja, principe di Serbia, cui venne concesso nel 1191. Anche Kalojan zar di Bulgaria fu insignito del titolo di sebastocratore, mentre Giustiniano II nominò Tervel, khan dei Bulgari, cesare nel 705 (tale termine evolse poi nella forma slava tsar o czar [poi zar] utilizzato principalmente in Russia [con l’avvento al trono di Ivan il Terribile] e Bulgaria). Nel 1304, Andronico II nominò Ruggero de Flor, capitano della Grande Compagnia Catalana, cesare, mentre il titolo di protosebasta fu concesso ad Enrico Dandolo, doge di Venezia (prima della sua partecipazione alla IV Crociata culminata con l’occupazione di Costantinopoli). Negli ultimi anni secoli di vita dell’Impero, inoltre, i sovrani bizantini assunsero anche i titoli di khronokrator e kosmokrator (letteralmente signore del tempo e signore del mondo).

I TITOLI ARISTOCRATICI MINORI

Sebastos

Maestà: questo titoli era originariamente equivalente ad– Augusto (o Augoustos) ed utilizzato unicamente dagli Imperatori. Dopo la creazione del titolo di protosebastos (durante il regno di Alessio I Comneno) tale titolo cadde in disuso. La forma femminile è sebasta.

Pansebastohypertatos, panoikeiotatos, protoproedros

Esempio di alcuni titoli creati aggiungendo prefissi. Questi titoli furono concessi a membri della Famiglia Imperiale dopo il regno di Alessio I Comneno e stavano ad indicare una relazione di parentela con il monarca, ma non comprendevano alcun reale potere.

Protovestiarios

Era normalmente un lontano parente dell’Imperatore, che si occupava in particolar modo del suo guardaroba, specialmente durante le campagne militari. A volte il potere del protovestiario si estendeva anche alla supervisione su alcuni membri del seguito imperiale e addirittura alle finanze personali dell’Imperatore. Il termine precedente, risalente ai tempi di Giustiniano I, era curopalate (o kouropalates in greco): esso derivava da kourator (curatore) un ufficiale responsabile degli affari economici. Il vestiarios era un ufficiale di grado subalterno. Il termine protevestiaria e vestiaria indicava naturalmente le medesime funzioni svolte al seguito dell’Imperatrice.

Nell’Impero Bizantino venivano inoltre usati altri titoli nobiliari per i membri minori della Famiglia Imperiale e per i membri della piccola nobiltà, solitamente derivati da quelli latini e, pertanto, molto simili a quelli utilizzati nell’Europa Occidentale. Tali titoli erano prinkeps (principe), doux (duca) e komes (conte). Altri titoli usati erano kleisourarka, apokomes e akrita, più o meno corrispondenti ai più noti marchese, visconte e conte e barone.Alcuni membri della piccola nobiltà, infine, potevano fregiarsi di altri titoli connessi alle mansioni da loro svolte presso la Corte Imperiale, come ad esempio parakoimomenos (guardia del corpo), pankernes (coppiere) e megas konostaulos (gran conestabile).

I TITOLI MILITARI

I TITOLI DELL’ESERCITO

Prefetto del Pretorio

Questo era il titolo utilizzato al tempo dei– Romani, per indicare il comandante delle truppe nella parte orientale dell’Impero. Fu abolito nel VII secolo quando ormai era caduto in disuso (in quanto non esisteva più una parte occidentale del medesimo Impero). Nell’Impero Bizantino successivo al VII secolo tale titolo evolse in quello di domestikos.

Domestikos i domestikoi

Erano in origine le guardie dell’Imperatore e solo in seguito tale titolo indicò alti ufficiali (generali) che avevano giurisdizione in un Tema. I tre specifici titoli correlati a domestikos erano:

– Megas Domestikos (Gran Domestico) il comandante supremo delle forze armate;
– Domestikos tou Scholai (Domestico delle Scholae) il comandante delle Scholae, in origine una delle più prestigiose divisioni dell’esercito, poi un Tema che forniva truppe alla stessa divisione.

Questo era uno dei titoli militari più prestigiosi che comportava anche un reale (e notevole) potere.

– Domestikos tou Thema (Domestico del Tema) il comandante (nonché organizzatore) di un Tema militare; ne esisteva uno per quelli europei ed uno per quelli asiatici.

Strategos

Era così chiamato il comandante militare di un Tema, che, normalmente, portava anche il titolo di doux. Il termine può comunque essere paragonato al nostro generale.

  • Protospatharios il comandante della guardia imperiale. Gli spatharios erano i suoi subalterni.
  • Protostrator alto ufficiale dell’esercito (titolo a volte utilizzato per indicare il comandante supremo).
  • Stratopedarch un comandante militare che poteva avere anche funzioni di magistrato.
  • Protokentarchos e kentarchos comandante di una reparto di piccole dimensioni. Tale titolo deriva dalla forma latina centurione.
  • Merarches comandante di una divisione di cavalleria.

I TITOLI DELLA MARINA

Megas Doux il Gran Duca

Egli era una sorta di Grande Ammiraglio, cui competeva il comando della flotta imperiale e l’organizzazione dei Temi navali. Il megas doux era uno delle pochissime persone che conoscevano il segreto della composizione del cosiddetto fuoco greco.

Drungarios

Subalterno del megas doux cui competeva il comando degli ufficiali della marina.
Drungarios ufficiale navale minore. A volte un ufficiale di rango– inferiore (ma con mansioni superiori al drungarios) veniva chiamato drungarokometes.

Katepanos

Così era chiamato il governatore di un Tema marittimo, titolo di cui si ha notizia solo dopo il X secolo.

ALTRI TITOLI MILITARI

Konostaulos

Era il termine greco di conestabile e rappresentava il comandante dei mercenari francesi.

Aiteriarch

Comandante dei mercenari barbari.

Akolythos

“Accolito”, il comandante delle truppe variaghe.

Spatharokandidatos

Altro titolo utilizzato per le truppe variaghe.

Manglavites

Altro titolo utilizzato per le truppe variaghe.

I TITOLI BUROCRATICI

L’imponente burocrazia dell’Impero Bizantino comprendeva numerosissimi titoli che si differenziavano sia da quelli aristocratici che da quelli militari. A Costantinopoli, in qualunque periodo della storia dell’Impero, vivevano e lavoravano centinaia, se non addirittura migliaia, di burocrati. Qui di seguito sono riportati alcuni dei titoli più noti e di uso comune, compresi i titoli che non comportavano nobiltà di sorta ma che indicavano comunque funzionari al servizio dell’Imperatore.

Protoasecretis

Uno dei più antichi titoli assegnato al capo della cancelleria imperiale, responsabile della corretta stesura ed archiviazione dei documenti ufficiali del governo. Il secretisa era un suo subalterno, proprio come il chartoularios (che si occupava dei documenti imperiali), il kastrisios (ciambellano del Palazzo Imperiale), il mystikos (una sorta di segretario personale) e l’eidikos (funzionario della tesoreria).

Logothetes

Genericamente un segretario, le cui funzioni mutavano però in base alla propria posizione ed alla specificità del proprio titolo. La carica di logoteta era comunque una della più importanti di tutta la burocrazia imperiale e comprendeva:

– Megas Logothetes (Gran Logoteta) il capo dei logoteti, personalmente responsabile di fronte all’Imperatore del sistema legale e della tesoreria, aveva funzioni molto simile ad un cancelliere dell’Europa Occidentale.

– Logothetes tou Dromou (Logoteta delle Poste) il capo della diplomazia imperiale e del “servizio postale”.

– Logothetes ton oikeiakon (Logoteta Domestico) il capo degli affari interni, della sicurezza di Costantinopoli e dell’economia della capitale.

– Logothetes tou Genikou (Logoteta Generale) responsabile delle tasse.

– Logothetes tou stratiotikou (Logoteta Militare) civile responsabile della distribuzione della paghe ai soldati.

Nel corse dei secoli il Logoteta accentrò tali e tanti poteri nelle proprie mani da riuscire ad esercitare una vera influenza sulla persona dell’Imperatore e quindi sul governo dell’Impero, ma, con il passare del tempo, tale titolo perse di importanza e si limitò quasi ad essere una carica onorifica; nel tardo impero, addirittura, il Gran Logoteta divenne un semplice mesazon cioè un responsabile dell’amministrazione imperiale.

Prefetto funzionario minore

Competeva l’amministrazione di governatorati locali.

Quaestor

Originariamente un pubblico ufficiale, il cui potere venne però drasticamente ridotto con la creazione del Logoteta.

Tribounos

Equivalente del tribuno dell’antica Roma, responsabile– della manutenzione delle strade, dei monumenti e degli edifici della capitale.

Magister (magister officiorum, magister militum)

Antico termine romano (maestro degli uffici e maestro dell’esercito) che, dal tempo dell’Imperatore Eraclio, era puramente onorifico.

Sacellarios

Durante il regno di Eraclio, supervisore (senza reali poteri) dell’amministrazione del Palazzo Imperiale.

Praetor

Originariamente funzionario che si occupava delle tasse; con l’avvento al trono di Alessio I, il termine indicò invece il governatore civile di un Tema.

Kephale

Letteralmente “capo”, governatore civile di una città bizantina.

Dragoman

Termine di derivazione turca, che stava ad indicare il traduttore facente parte del seguito di un ambasciatore.

Horeiarios

Funzionario cui competeva la distribuzione del grano contenuto nei granai dello stato.

Protoasecretis, logoteta, prefetto, pretore, questore, magister e sacellarios erano, insieme ad altri funzionari, membri del Senato Imperiale, fino a quando questo non divenne uno strumento di governo poco utilizzato dall’Imperatore.

autore: MATTEO (?)

Nicola

Author: Nicola

Share This Post On

Submit a Comment