Antichi Veneziani nel golfo di Squillace
Apr28

Antichi Veneziani nel golfo di Squillace

Antichi Veneziani nel golfo di Squillace   Nell’anno 829 la città di Venezia, erede di Aquileia, era governata da un duce(m) che era anche ipato e protospatario dell’Impero Romano d’Oriente. L’essere imperiale e la sua nascente forza navale e militare la preservavano dall’espansione del Regno d’Italia, dal 774 carolingio; la funzione commerciale la spingeva verso l’Adriatico e mari più lontani. In quell’anno, due mercanti, Buono da...

Read More
Codici prima di Giustiniano
Apr24

Codici prima di Giustiniano

Codici prima di Giustiniano Nel 438 Teodosio II, imperatore d’Oriente, emanò un Codice (Codice Teodosiano), con un secolo di anticipo sulla più organica e complessa opera di Giustiniano. Non era il primissimo tentativo. Precedenti dell’opera teodosiana si trovano nei Codici Gregoriano ed Ermogeniano, dell’età di Diocleziano, che raccoglievano le leggi non in  ordine  cronologico,  ma  secondo gli argomenti. La stessa opera...

Read More
Memorie degli iconoduli in Calabria
Apr10

Memorie degli iconoduli in Calabria

Memorie degli iconoduli in Calabria L’iconoclastia, o iconoclasmo, mossa da Leone III Isaurico (717-41), suscitò in tutto l’Impero lunghi anni di conflitti anche armati tra gli iconoclasti e quelli che per disprezzo vennero detti iconoduli, gli “schiavi delle immagini”. I vescovi di Roma e gran parte delle popolazioni italiane  si schierarono in difesa delle sacre icone e dei santuari, ottenendo infine nell’843 con papa Gregorio IV la...

Read More
L’Ordine Basiliano e il cardinale Sirleto
Gen09

L’Ordine Basiliano e il cardinale Sirleto

L’Ordine Basiliano e il cardinale Sirleto Il monachesimo in età romea attraversa una fase eremitica, una lauritica e una cenobitica; in genere i cenobi erano autonomi, ed eleggevano un igumeno (guida), che, se aveva sotto di sé più cenobi, si chiamava archimandrita (capo dei pastori): ma questo piuttosto in età normanna. Spesso assumevano come regola il typikòn di san Basilio, donde l’uso di chiamare, impropriamente, Basiliani quei...

Read More
Il greco classico e romeo
Dic02

Il greco classico e romeo

Queste righe esporranno una questione senza speranza di risolverla: il greco che costituisce il 20% del dialetto, ma molto di più della sintassi e di toponomastica, onomastica e agiografia in Calabria, è derivato dal classico e magnogreco come sostiene il Rolhfs, o è l’effetto di avvenimenti di riellenizzazione nei secoli VI-XI? Sintesi della questione: l’aspetto sintattico del dialetto della Calabria Meridionale è palesemente...

Read More